Recensione #166: The Hallow

venerdì 13 novembre 2015

Ci siamo incattiviti molto nelle ultime giornate. Promettiamo che a breve recensiremo qualcosa di più allegro, anche per i meno avvezzi al genere, ma intanto procediamo per questa strada, soprattutto oggi, che è venerdì 13. Abbiamo adottato un metodo stile “campeggio horror” per queste visioni, coperte a terra, tanti cuscini, lampade con candele disseminate intorno e ciotolone di pop corn, giusto per creare atmosfera. Questa sera, sulle coperte, ci siamo visti The Hallow, un bel film horror del 2015 girato per i boschi dell'Irlanda.
Se non lo conoscete, ecco due righe sulla trama: Adam Hitchens è un ambientalista di Londra che accetta un lavoro di rilevamento nei boschi irlandesi. Spostandosi nel cuore dell'idilliaca campagna con la famiglia, Adam si imbatte in un contadino che lo avverte dei rischi a cui andrà incontro se con il suo lavoro disturberà le sacre foreste. Gli eventi prenderanno presto una piega oscura e minacciosa, costringendo Adam e la moglie Clare a lottare contro un male indicibile che minaccia la vita del loro piccolo bambino. Voi credete alle leggende? The Hallow mette a dura prova lo spettatore, facendolo vacillare di fronte a queste tematiche. Le atmosfere sono cupe e sinistre fin dai primissimi minuti. Se c'è una cosa che abbiamo notato subito è come però, tutta l'introduzione alla storia sia girata in maniera molto sbrigativa, come a volersi sbrigare per far iniziare il terrore vero. E' grazie alle poche righe sulla trama e ad un po' di intuito che si arriva a capire le dinamiche iniziali. Nel piccolo paese di campagna, la credenza che esistano gli spiriti maligni dei boschi è una cosa comune e diffusa, ma non riusciamo a percepire bene questa cosa, anche quando il contadino/vicino di casa di Adam va da loro per dirgli di andarsene, sembra quasi che ci sia una questione personale fra i due. Solo continuando a vedere il film si collegano bene tutti i punti (forse sarà anche perchè noi l'abbiamo visto sottotitolato eh...). The Hallow ribalta tutti i luoghi comuni che vogliono che gli spiriti del bosco siano fatine docili e folletti saltellanti con le pentole d'oro alla fine dell'arcobaleno. Le entità ci sono, e sono stronze parecchio. La pellicola può considerarsi anche per metà una home invasion, visto che i disordini iniziano proprio in casa. Rumori sinistri, scricchiolii, e poi ti ritrovi con la stanza del neonato messa sottosopra. E' solo l'inizio.

Ed è solo l'inizio.

Ben presto, grazie ad una disavventura avuta da Adam nel bosco, la famiglia capirà che deve levare le tende (cazzo, per una volta sono intelligenti) e quindi tutti a piedi fino alla macchina, lasciata dall'uomo lontano da casa a causa della disavventura. E' agghiacciante il pezzo che segue, quando Adam tenta di levare la fitta rete di rami che si è creata nel motore e sua molgie prova a mettere in moto. Guardando dallo specchietto con l'effetto accendi/spegni dei fari si delineano delle figure ricurve che si avvicinano sempre di più. Da li in poi è tutta una fuga continua, fin quando non si ritorna a casa. Le creaturine malefiche sono parecchio bastarde e possono infilarsi in tutto ciò che è legno: porte, pareti, travi del soffitto, loro ci sviaggiano dentro come se niente fosse e la sensazione di non essere mai al sicuro è palpabile e costantemente presente. Il ritmo del film è serratissimo dopo la prima mezz'ora, ti incolla al divano (a noi sul pavimento) e ti impedisce di staccare gli occhi dallo schermo. Un merito in particolare va al trucco usato per le creature, ben fatto e  non banale. Per quanto riguarda il cast, gli attori da citare sono pochi, abbiamo Joseph Mawle che interpreta Adam (La leggenda del cacciatore di vampiri) e Bojana Novaković (drag me to hell, Devil...) nei panni di Clare, la moglie. Entrambi molto bravi, reggono su la baracca molto bene. The Hallow è una pellicola che può definirsi completa, un horror pauroso, claustofobico e frenetico con un risvolto finale davvero interessante, che farà supporre molte cose. Il nostro consiglione è di vederlo al più presto (cazzarola, ultimamente ci prendiamo in fatto di bei film!).

AZIONE: x1
COMMEDIA: - 
DRAMMATICO: x2
ROMANTICO: -
HORROR: x3
FANTASCIENZA: -
FANTASY: x1


Il voto di 365film:





Share this article :

0 commenti:

Speak up your mind

Tell us what you're thinking... !

 
Support : Creating Website | Johny Template | Mas Template
Copyright © 2011. 365FILM | 2 persone, 1 anno, 365 recensioni - All Rights Reserved
Template Created by Creating Website Inspired by Sportapolis Shape5.com
Proudly powered by Blogger