Recensione #78: Megalodon

lunedì 17 agosto 2015

Questa è stata una sorpresa! Io e Gloria stavamo spulciando le migliaia di campane zeppe di divx nel nostro cassettone dei film, volevamo trovare qualcosa da vedere di vecchia data. Ve lo ricordate il caro vecchio Emule? Credo proprio di si, quando il programmino era in auge, bastava collegarsi a quel server chiamato Razorback qualcosa e si poteva trovare di tutto. In quegli anni ho scarcato cose che voi umani non potreste neanche immaginare, considerate che di tutti i film che ho ne avrò visti si e no la metà, quando trovavo un titolo strano lo prendevo e via, magari non sapevo neanche di cosa parlava il film in questione.
Comunque, è grazie a quel periodo che oggi abbiamo ritrovato sepolto fra i film il file di Megalodon! Vista la mia/nostra recente passione per gli squali, strabuzzo gli occhi, guardo Gloria e gli dico: “Megalodon! Cioè, io avevo un film sul megalodon e non lo sapevo? Questo va visto, speriamo solo sia in italiano” e lei: “ Dai, se è in italiano ce lo guardiamo, magari è quello che vidi tanti anni fa.” Questo filmuccio qua è dell'anno 2004 e purtroppo non è quello che diceva Gloria (Shark Attack 3, difficilissimo da trovare in italiano, anzi lanciamo un appello: chi lo ha ce lo dia!!) ma è un piccolo filmetto di serie B. Grazie alle trivellazioni di una piattaforma petrolifera nell'Oceano Antartico viene scoperto un secondo oceano abitato da animali preistorici. Insieme a questi animali però riemerge anche il Megalodon, uno squalo di undici tonnellate lungo una ventina di metri, che attacca la piattaforma, mettendo tutti in pericolo. La trama ci può stare, ma man mano che scorreva il film, sia io che Gloria avevamo la sensazione che lo squalo non arrivasse mai. “Dico io, fai un film sul megalodon e lo fai vedere l'ultimo quarto d'ora?” ha borbottato Gloria alla fine. E ha ragione, ma c'è un motivo a questa scelta. Di solito in questi film low budget la creatura protagonista viene ricreata in due o tre angolazioni con la computer grafica, e queste tre angolazioni o scene, chiamatele come volete, vengono ripetute durante il film. Perciò se facessero quasi tutto il film con le stesse scene dello squalo sarebbe un'autentica presa per il culo, ma anche così non va lontano dall'esserlo perchè dal titolo uno si aspetta quello che il film non darà mai. Avrò ripetuto almeno 5 volte a Gloria “Ecco, ecco, adesso è così perchè arriva lo squalo” ma non succedeva mai. Tutto il film è un continuo parlare all'interno della piattaforma petrolifera. Oddio, gli effetti speciali, non belli sia chiaro, sono migliori di tantissima roba che circola in giro e che si spaccia per film, ma comunque non riescono a dare niente a chi guarda. Giusto ieri ho pensato che se con le possibilità VERE che ci sono oggi, si facesse un film sul megalodon serio, sarebbe uno spettacolo, invece troviamo sempre questi filmettini. In conclusione, film lento, noioso e banale, Gloria avrebbe voluto dargli 1 pop corn, ma vista la presenza del mio animale/mostro preferito l'ho convinta a dargli almeno 2 pop, ma a meno che non siate dei fissati di squali come me, non vale la pena neanche cercarlo. Dimenticavo, sembra che mi leggano nel pensiero perchè pare proprio che Eli Roth si dedicherà presto a girare un film proprio sul Megalodon, e sarà una produzione Warner!

Il voto di 365film:
(un Pop Corn è perchè c'è lo squalo)



x1


x1



Share this article :

0 commenti:

Speak up your mind

Tell us what you're thinking... !

 
Support : Creating Website | Johny Template | Mas Template
Copyright © 2011. 365FILM | 2 persone, 1 anno, 365 recensioni - All Rights Reserved
Template Created by Creating Website Inspired by Sportapolis Shape5.com
Proudly powered by Blogger