Recensione #61: Fast and Furious

venerdì 31 luglio 2015

Se andate a spulciare nella sezione CHI SIAMO scoprirete che Gloria odia un certo genere di film, e per genere non intendo azione, western ecc, ma intendo proprio un film nello specifico con il quale lei ha coniato una categoria cinematografica a se. Gloria odia il genere “Fast and Furious” caratterizzato da attori “grossi e con i muscoli brecchi”. Stasera le ho detto “Amore, per odiare qualcosa devi conoscerla. Quindi è deciso, ti faccio vedere Fast and Furious. Ma non uno a caso, ben si il primo della saga, così potrai conoscere le origini”. Il risultato è stato una raffica di “vaffanculo” e “che palle” all'indirizzo delle macchine che sgasano, gli spari e del povero Vin Diesel, che ha la colpa di rappresentare il grosso della situazione.
Passiamo all'analisi della pellicola. Il primo capitolo della saga di Fast and Furious è datato 2001 e parla di questo sbirro che per smascherare un'organizzazione che rapina i tir in movimento sull'autostrada si finge appassionato di motori e corse clandestine per entrare nel giro. Una volta dentro farà amicizia con Toretto e inizierà pian piano ad appassionarsi anche lui a quel mondo. Molto probabilmente questo film è il migliore di tutti in assoluto perchè, come successo in altri casi, è stato quello che ha lanciato l'innovazione, l'idea, che poi è stata riprodotta in tutte le salse nei successivi 6 capitoli. Lo spettatore viene catapultato nel mistico mondo delle corse clandestine con bellissime auto truccate e anche quello meno avvezzo ai motori ne rimane affascinato (come me). Sono molte le componenti che fanno di questo film una pellicola completa, all'adrenalina data dalle gare è mischiato anche un profondo senso di amicizia e fratellanza, rappresentato dal legame che si forma fra Brian e Toretto, ma abbiamo anche una componente romantica. L'infiltrato si innamora involontariamente della sorella di Toretto, iniziando una bellissima storia d'amore che si concretizzerà nei prossimi film. Cast adattissimo alla tipologia di film, con il bravo Paul Walker (morto poco tempo fa per un incidente automobilistico) spalleggiato a dovere da un Vin Diesel molto più in forma di com'è ora (stiamo parlando di 14 anni fa). Insieme a loro c'è anche la tosta Michelle Rodriguez (la ragazza di Toretto, vista di recente nelle pellicole di Machete) e una star del rap che ormai è un abituè dei film sul genere: Ja Rule. A differenza dei film che seguono, la storia di questo film ha come perno centrale le macchine e le gare, mentre andando avanti con i film questa componente sfuma, lasciando più spazio a trame poliziesche. MEnzione particolare per la colonna sonora che pompa di brutto e ci delizia con brani come Rollin' dei Limp Bizkit! Le imprecazioni di Gloria scattavano ad ogni rombo di motore, inutile dire che l'esperimento di provare a farle piacere almeno uno dei film di questa saga è fallito miseramente. Personalmente avrei voluto dare il massimo a questo film ma per motivi di voto condiviso non si potrà fare.. eh vabè!

Il voto di 35film:




x3


x1



Share this article :

0 commenti:

Speak up your mind

Tell us what you're thinking... !

 
Support : Creating Website | Johny Template | Mas Template
Copyright © 2011. 365FILM | 2 persone, 1 anno, 365 recensioni - All Rights Reserved
Template Created by Creating Website Inspired by Sportapolis Shape5.com
Proudly powered by Blogger