Recensione #183: Altitude

lunedì 30 novembre 2015



Da non credere, ci stiamo rendendo sempre di più conto che l'universo del cinema è molto più grande di quello che uno pensa. Sono milioni i film di cui uno non ha mai sentito parlare e, attenzione, non perchè non valgono niente, ma semplicemente perchè non hanno avuto la giusta distribuzione, o sono stati concepiti soltanto per il circuito home. Oggi io e Gloria guardavamo dei siti per vedere che film c'avevano inserito; ad un certo punto ecco questa roba: Altitude. Locandina interessante, vediamo che è del 2010 e che ne esiste soltanto la versione sottotitolata in italiano... ci ha incuriosito, così abbiamo letto di più e alla fine ce lo siamo visto.

La trama ci racconta che qualcosa di molto strano accade al piccolo aereo di turismo sul quale viaggiano una giovane pilota e un gruppo di amici che stanno andando ad un concerto. Dopo che un misterioso guasto ha causato la perdita del controllo del loro piccolo aereo, i ragazzi si trovano a dover fare i conti con una terrificante forza soprannaturale che li minaccia. Titolo secco, un poster figo e un trailer ancora più figo, il tutto condito da una trama intrigante... basterà a sfornare un bel prodotto? Non è un capolavoro, ma questo Altitude è stato una piacevole sorpresa. Intanto, diciamo che il film si svolge praticamente quasi tutto nella cabina di un aereoplanino, un set talmente piccolo e povero in cui, se non ti inventi qualcosa, rischi di far morire il pubblico di noia. Qui il regista Kaare Andrews (crediamo sia all'esordio perchè in realtà è uno sceneggiatore di fumetti canadese) se la cava enormemente bene perchè tiene altissima la tensione per tutta la cazzo di durata della pellicola. Dopo i primi minuti in cui il gruppo di ragazzi arriva all'aeroporto e si “imbarca”, il resto del film è tutto a bordo del piccolo velivolo.

Un set economico...

In alcune cose il film si presenta non troppo innovativo, come nella scelta della caratterizzazione dei personaggi. Abbiamo infatti Sara, la pilota, a cui la madre è morta quando era piccola mentre guidava un piccolo aereo proprio come il loro, poi c'è Cory, il fratello di Sara, tipo dritto che suona la chitarra ed innamorato della migliore amica della sorella, anch'essa a bordo, che corrisponde al nome di Mel. Mel è la tipica ragazza da festa, fidanzata col bullo di turno: Sal. Sal si presenta da subito come il cazzone di turno, talmente intelligente che si porta dietro una scatola di lattine di birra da bere durante il volo. Con loro viaggia anche Bruce, il “ragazzo” di Sara, un tipo introverso, tendente al nerd, appassionato di fumetti. Gli attori scelti probabilmente non sono le scelte più azzeccate che si potevano fare, ma tutto sommato se la cavano, riuscendo anche a ben figurare nelle scene dove il film si fa più introspettivo. Altitude infatti non è solo aereo e soprannaturale, è anche altro, si vede che il regista prova a costruire intorno alla storia principale un background che possa far affezionare o immedesimare lo spettatore in qualcuno dei suoi personaggi. Gli attori e le attrici? Eccoli: Jessica Lowndes è Sara, Julianna Guill (il remake di Venerdì 13, The Apparition...) è Mel, Ryan Donowho (Cabin Fever: Patient Zero ...) è Cory, Landon Liboiron è Bruce e Jake Weary (Zombeavers, It Follows...) è Sal. Comunque, film che scorre via che è una meraviglia, ogni 5 minuti c'è un nuovo problema che getta panico sul gruppetto di sprovveduti. Un alone di terrore e mistero avvolge il loro piccolo aereo, come se fossero stati catapultati in un'altra dimensione, infatti il velivolo, una volta entrato nella nube nera non riesce più ad uscirne, sia se sale che se scende. Per di più tra i lampi e i tuoi qualcuno di loro intravede dal finestrino una strana creatura che corrisponde a quella del fumetto che si è portato dietro il nerd. A noi ci ha intrippato di brutto e anche se non è tecnicamente perfetto, è comunque un piacevole modo di passare un'ora e mezza. Volete provare? Noi vi consigliamo di si :) Ah... un bel twist finale ribalterà tutto... noi avremmo preferito, visto che siamo cattive persone, che il film finisse qualche minuto prima con una scena a nostro avviso più ganza ed angosciante, ma anche così, tutto torna! Vi comunichiamo ufficialmente che con questa recensione siamo arrivati a metà dell'opera! 

AZIONE: x1
COMMEDIA: -
DRAMMATICO: x1
ROMANTICO: -
HORROR: x3
FANTASCIENZA: -
FANTASY: x1


Il voto di 365film:



http://www.italia-film.co/altitude-subita-2010-streaming/


Share this article :

0 commenti:

Speak up your mind

Tell us what you're thinking... !

 
Support : Creating Website | Johny Template | Mas Template
Copyright © 2011. 365FILM | 2 persone, 1 anno, 365 recensioni - All Rights Reserved
Template Created by Creating Website Inspired by Sportapolis Shape5.com
Proudly powered by Blogger