Recensione #94: Quella casa nel bosco

mercoledì 2 settembre 2015


Lo ammettiamo, il dubbio ci è preso davvero questa volta. Capita a volte che ti guardi un film, e alla fine della visione rimani un po' perplesso, non riesci a dare un giudizio sul momento e devi riflettere un attimo su quello che hai visto, perchè sei indeciso se etichettarlo come cazzata colossale o come genialata pura. A noi, questa sera, è successo di questo. Ma non vi diremo subito subito da che parte siamo andati, prima vi parliamo del film incriminato che, guarda caso, è un altro horror: Quella casa nel bosco, del 2012. Un gruppo formato da cinque amici decide di concedersi qualche giorno di relax e divertimento partendo alla volta di un vicino bosco, dove è situata la baita del cugino di uno dei ragazzi. Con il passare delle ore, però, qualcosa di orribile e mostruoso comincia a palesarsi sotto i loro occhi, costringendoli a una lunga lotta per la salvezza contro chi li ha condotti fin lì con l'intento nascosto di rompere gli equilibri dell'ambiente circostante e punirli. Trama, questa, che ricorda molto Evil Dead (un gruppettino di malcapitati, arriva in una casetta nel bosco, in mezzo al nulla, e fa una finaccia), ma lo ricorda ancora di più quando vediamo la casa in cui i ragazzi alloggeranno. Si tratta di una fedelissima riproduzione, almeno all'esterno, della casa in Evil Dead. Coincidenze? (direbbe Adam Kadmon) Non credo... Andando avanti con la storia, si ha come la sensazione che il film che state vedendo sia il classico teen horror,  tutto birra, sesso e rock'n'roll, e in effetti la piega che prende è esattamente quella, per non parlare poi dei personaggi, dei tipici stereotipi da horror. C'è il macho, la ragazza disinibita del macho, il buffone del gruppo, la protagonista casta e pura e il ragazzo gentile e studioso, non manca nessuno. Credeteci però se vi diciamo che tutto questo è voluto e deve essere, per come proseguirà il film, esattamente così. Una volta visto Quella casa nel bosco, guarderete qualsiasi altro horror con una faccia diversa, date retta a noi. Purtroppo, possiamo parlare poco altrimenti rischiamo di sputtanare tutto, ma possiamo dirvi che, dopo qualche dubbio, io e Gloria ci siamo guardati e abbiamo esclamato insieme “Ma che cazzo di figata!” Anzi, ve lo spoileriamo alla grande. Esiste un'organizzazione che sacrifica dei giovani a delle divinità che altrimenti distruggerebbero la terra attirandole in quella casa li. A seconda delle scelte che faranno i giovani si troveranno di fronte un fantasma, uno zombie o il tanto agognato tritone! E' tutto pilotato, dalla demenza che accompagna nelle scelte il gruppo, alla voglia di accoppiarsi in luoghi appartati. Di fatto quindi il film in questione sputtana tutti gli altri film horror sul genere! Gli amanti devono assolutamente vedere questo film, è un prodotto troppo innovativo per farne a meno! Parlando degli effetti speciali, anche se in apparenza non ci sono, da dopo metà film cominciano ad essere effettivamente necessari e non deluderanno affatto. Nel cast spicca la presenza di Chris Hemsworth (Thor), accanto a lui ci sono Kristen Connolly, Fran Kranz (rivisto in The Village), Jesse Williams e Anna Hutchison, ma la sorpresa più grande ve la regalerà Sigourney Weaver, ma dovrete aspettare un po'. Si, ne siamo convinti, diamo il massimo dei voti a Quella casa nel bosco, ci è piaciuto proprio!

Il voto di 365film:
 
 
 







x3
 
x1
 
 
x1
 
 
 
Share this article :

0 commenti:

Speak up your mind

Tell us what you're thinking... !

 
Support : Creating Website | Johny Template | Mas Template
Copyright © 2011. 365FILM | 2 persone, 1 anno, 365 recensioni - All Rights Reserved
Template Created by Creating Website Inspired by Sportapolis Shape5.com
Proudly powered by Blogger